venerdì 16 dicembre 2016

Il governo fascista indù mette in pratica pure la DEMONETIZZAZIONE per combattere la guerra popolare

Alcuni quotidiani italiani si sono occupati, pochissimo, di questa ennesima colossale iniziativa del governo Modi che con la scusa di combattere la corruzione, il riciclaggio di denaro sporco ecc. ha di fatto colpito milioni di indiani poveri e soprattutto, nelle intenzioni del governo, serviva ad ostacolare l'attività del PCI (Maoista) che in particolare nelle zone più povere ha le proprie roccaforti!
Qui riportiamo un intervento di Kobad Ghandy.

[Kobad Ghandy è un prigioniero politico rinchiuso nella prigione centrale di Cherlapally, distretto di Rangareddy, Telangana.]

Un passo avanti e due indietro: Kobad Ghandy sulla “demonetizzazione”

"L'India è uno stato debole che punisce solo i piccoli e deboli? Il ricco e ben ammanigliato malfattore praticamente se la fa franca ... Nessuno vuole andare contro i ricchi e ben ammanigliati malfattori, il che significa che la faranno franca ancora di più. Se vogliamo avere una forte crescita sostenibile, si deve fermare la cultura dell'impunità. (Indian Express 2016)"
Ciò che Raghuram Rajan, l'ex governatore della Reserve Bank of India (RBI), ha detto nel gennaio 2016 è sorprendentemente rilevante per ciò che vediamo ora con la messa in atto della demonetizzazione.
https://4.bp.blogspot.com/-d6e6phAMixg/WFEO-hzg7gI/AAAAAAAAC8A/J1vsTo3aLaoKOXXfIk9tTsqUmwSmlJIcwCLcB/s320/httpwww.pressenza.comit201611india-morte-per-demonetizzazione.jpg
foto tratta da http://www.pressenza.com/it/2016/11/india-morte-per-demonetizzazione/

Il mese scorso si sono visti milioni di poveri e della classe media, senza soldi per comprare cibo e medicine, fare lunghe code in piedi per accedere al proprio denaro dai bancomat e dalle banche, mentre i pezzi grossi del partito Bharatiya Janata (BJP) erano intenti a celebrare le nozze durate cinque giorni della figlia di un ministro ex Bjp (noto anche come il capo della mafia mineraria di Bellary), Janardhana Reddy. Né i Reddys né i suoi ospiti avevano alcuna preoccupazione sulla conversione delle loro monete, anche se questa funzione è iniziata appena quattro giorni dopo l'annuncio della demonetizzazione.


In un paese come l'India, dove la corruzione filtra praticamente in ogni fessura della società, la lotta 
contro il denaro sporco e la sua continua rigenerazione dovrebbe essere un compito importante per qualsiasi governo. La puzza della corruzione non molesta solo l'uomo comune ad ogni passo, ma impedisce anche lo sviluppo fecondo, dato che anche il più piccolo dei progetti viene ostacolato con a volte fino al 50% o più dell’investimento inghiottito da politici, burocrati, intermediari e appaltatori. Progetti sociali e assistenziali vengono sovvertiti; una stima afferma che appena 10 paise (un centesimo, ndr) per ogni rupia arrivano alle persone che hanno necessità.
Senza dubbio, se l'India deve uscire dalla sua arretratezza e dai livelli atroci di impoverimento, la lotta contro il denaro sporco e la corruzione è essenziale. Ma si può raggiungere questo obiettivo con la demonetizzazione? Scovare lo stock esistente di denaro sporco non può essere un atto di una volta sola. Un compito altrettanto importante è la prevenzione della sua rigenerazione in futuro. La demonetizzazione non tocca nemmeno il secondo aspetto. Al contrario, la stampa di banconote di taglio più alto di 2.000 (rupie) facilita solo ulteriori operazioni nell'economia sommersa.
Stock dei contanti: punta dell’iceberg
Secondo un rapporto del National Institute of Public Finance and Policy (NIPFP-Istituto nazionale per la finanza e la politica pubblica) presentata al ministro delle Finanze nel mese di dicembre del 2013, l'economia nera potrebbe costituire il 75% del prodotto interno lordo dell'India (PIL) (Mehra 2014). Questa relazione è stata ignorata dal Ministro delle finanze P Chidambaram, come anche da parte del governo attuale. Anche i media hanno oscurato il dato, scegliendo di citare le stime dell'economia sommersa fatte dalla Banca Mondiale, cioè un mero 20% -30% del PIL. Se non siamo disposti a comprendere la portata del problema, come possiamo affrontarlo seriamente? Quelli che sul serio vogliono combattere il denaro nero dovrebbero prima rendere pubblico questo rapporto. Con il 75% del PIL, viene generata ogni anno una somma di 120 miliardi di rupie di reddito in nero.
Confrontate questo con la cifra di 14,6 miliardi di rupie esistenti nelle banconote da 500/1.000 rupie, (rispettivamente circa 7 e 14 euro, ndr) la componente principale della massa monetaria in nero. Anche se consideriamo che il 50% di queste banconote comprendono denaro sporco, ciò vorrebbe dire semplicemente 7-8 miliardi, cioè, solo il 7% del reddito totale nero generato. Infatti, secondo l'economista, Swaminathan S Anklesaria Aiyar (2016), "Nel totale, probabilmente nemmeno il 2% delle orde nere storiche si trovano in contanti, quasi tutti questi soldi sono stati convertiti in oro, immobiliare, investimenti finanziari, un po' a casa e molto all'estero ... Lo stock enorme di denaro nero è stato ripulito anni fa".
Infatti, secondo il Global Financial Integrity, tra il 2004 e il 2013, 3,3 miliardi di rupie hanno lasciato il paese ogni anno. Ciò significherebbe che una scorta enorme di 40 miliardi di rupie è stata dirottata all'estero nel corso di questi 12 anni. Secondo stime non ufficiali lo stock totale di denaro illegale all'estero assomma a 75 miliardi. E non un centesimo di questo è stato bloccato da parte del governo del BJP che aveva promesso di riportare questa quantità enorme a casa.
Non una sola persona indicata nei Panama Papers [vedi nota in fondo, ndr] è stata richiamata ai propri doveri. Al contrario, molti sono fuggiti dal paese con i loro beni illeciti. Questi includono il fallito Vijay Mallya e ultimamente, l'esportatore di carne Moin Qureshi, Lalit Modi, e due noti trafficanti di armi, Sudhir Choudhrie e Vipin Khanna. Tali delinquenti con quantità di ricchezze risucchiate dal nostro paese stanno vivendo da nababbi nel Regno Unito. Eppure, quando il primo ministro britannico ha recentemente visitato l'India, nessun serio tentativo è stato fatto perché tutti questi elementi venissero estradati in India, e la loro ricchezza all'estero recuperata negli interessi del nostro paese.
Anche all’interno dell’India tutti gli scandali: 2G, carbone, Commonwealth e numerosi altri, hanno trovato una morte tranquilla, e ufficiali onesti a guida dei dipartimenti sono stati sviati. L'attuale governo è arrivato al punto di sopprimere documenti recuperati durante le incursioni delle imposte sul reddito su Sahara e le incursioni del Central Bureau of Investigation (CBI) sul gruppo Birla, che ha fornito prove di una massiccia corruzione da parte di gruppi d’affaristi per i politici e burocrati.
Alti burocrati hanno, di fatto, sostenuto la corruzione. Il segretario del carbone, Anil Swarup, è stato registrato mentre diceva che non i politici, ma le "5Cs", cioè la Commissione di Vigilanza centrale, la Commissione d’Informazione centrale, la CBI, la Commissione di controllo e audizione generale dell’India - Comptroller and Auditor General of India (CAG) e i tribunali, stanno inibendo il rapido ed efficace processo decisionale e impedendo lo sviluppo del paese (Deshpande et al 2016). Un altro segretario nel ministero economico è d'accordo: "c'è questo problema con la legge sulla prevenzione della corruzione. In sostanza, qualsiasi decisione si prende avvantaggia qualcuno e può avere un impatto negativo su qualcun altro e dato che questo è il caso, si può essere braccati "(Deshpande et al 2016).
Contraffazione di moneta
Per quanto riguarda le banconote false, la quantità di denaro falso sequestrato tra il 2012 e il 2015 è stato un quantitativo misero, 147 milioni, vale a dire, 37 milioni all'anno. Uno studio del 2015 dell'Istituto di statistica indiano di Calcutta per conto della National Investigation Agency ha stimato la moneta falsa in circolazione a solo 400 milioni, cioè un mero 0,022% delle banconote totali in circolazione. Il ministro di stato per gli affari interni ha ribadito questa cifra in un comunicato il 18 novembre 2016 e ha aggiunto che solo 28 milioni di banconote false sono state confiscate nel 2016, e solo 70 milioni sono stati pompati nell'economia ogni anno. Anche se il governo sostiene che questa cifra è cento volte più grande (non ci sono stime accurate), ciò non arriverebbe ancora all’1% del denaro totale demonetizzato.
Questo è già certo tale da causare danni alle piccole e medie industrie, all'economia di dettaglianti e grossisti, all'agricoltura (incapacità di vendere, produrre e acquistare sementi e fertilizzanti) e per i milioni di piccoli produttori, commercianti, camionisti, ecc. Ciò ha già causato il caos per tutti, ad eccezione del grande business. Oltre a tutto, una quantità enorme è stata spesa dal governo per la stampa e la distribuzione le nuove banconote – siamo tra 15.000 milioni di 20.000 milioni. Inoltre, se le accuse per le banconote false sono dirette verso un governo (Pakistan), è ingenuo pensare che non sarebbe in grado di duplicare le nuove banconote.
Economia senza contanti
Meno del 50% delle nostre famiglie ha accesso ad una banca, oltre il 60% della nostra economia è nel settore informale, e tutto ciò dipende dalle transazioni in contanti. In un grande paese come l'India, appena 3 milioni di persone compilano la dichiarazione dei redditi e due milioni pagano le tasse. L'India ha uno dei più alti rapporti tra denaro contante e PIL del mondo, il 12% rispetto a una media mondiale del 4%. Si stima che circa il 78% delle transazioni in India sono in contanti rispetto al 20% -25% nei paesi industrializzati.
Per quanto riguarda l'altro motivo citato, il passaggio verso un'economia senza contanti, che invita la gente a passare alla banca on line, ciò indica solo fino a che punto coloro che governano sono lontani dalla vita delle popolazioni. Questo suggerimento di Tughlaqian è come quello di Maria Antonietta - quando alla regina fu detto che la gente non aveva il pane per mangiare lei rispose, "bene dare loro le brioches."
Indicibili sofferenze e caos
Ciò che è stato ancora più criminale è il fatto che il governo stesso non era preparato ad affrontare i disagi causati nella vita delle persone dalla distruzione avvenuta durante la notte dell’86% della valuta totale per valore in circolazione. E nemmeno avevano previsto i problemi creati o di cui non si preoccupano, per la vita delle classi povere e medie.
Le nuove banconote da 500 rupie non erano pronte fino a cinque giorni dopo la demonetizzazione. Con l’erogazione solo delle banconote da 2.000 rupie, e la mancanza di banconote più piccole sul mercato, le popolazioni non sono state in grado di acquistare, per le loro esigenze quotidiane, cibo e medicine. Questa decisione ha spogliato una persona in una notte di tutti i propri sudati soldi, del potere d'acquisto, senza fornire un'alternativa. Il governo si è spinto fino ad affermare che ci vorranno 50 giorni per portare la normalità nella vita delle persone. Recentemente il ministro delle finanze ha dichiarato che potrebbero volerci uno o due trimestri per riportare alla normalità! Ogni giorno, il governo cambia le politiche su come scambiare le banconote a seconda delle reazioni della gente.
L'ampiezza dell’insensibilità è incredibile. Si sarebbero dovuti fare passi per alleviare la pena. Ben prima dell'annuncio, la Banca centrale indiana avrebbe dovuto assicurare che un gran numero di banconote da 100 rupie erano disponibili e messe in circolazione al posto delle banconote da 2.000 rupie, inutili per le necessità quotidiane. Le nuove banconote avrebbero dovuto essere stampate nelle stesse dimensioni e peso delle vecchie banconote (mentre le si cambia di struttura e colore) in modo che possano adattarsi ai bancomat esistenti. La ricalibrazione degli sportelli automatici, iniziata solo una settimana dopo l'annuncio, potrebbe richiedere mesi. Semplici passi prima dell'annuncio avrebbero potuto aprire la strada ad un trasferimento relativamente tranquillo. Ma la decisione di demonetizzare è stata presa senza adeguata preparazione. Si stima che ci vorranno sei mesi per sostituire tutte le banconote.
Questo ha, in primo luogo, provocato ingenti danni alla vita delle persone, e in secondo luogo, una perturbazione totale per l'economia del settore informale.
Le code presso le banche e i bancomat sono lunghe e le persone devono stare in piedi per ore; molto spesso le banconote sono finite prima che arrivi il loro turno. Lo stress e la tensione per non avere alcun denaro contante per le spese quotidiane hanno influenzato i malati e gli anziani negativamente e sono stati segnalati, da varie regioni, decessi di persone mentre erano in piedi a far la coda. I dipendenti delle banche sono perseguitati; lavorano lunghe ore per soddisfare la domanda di nuove banconote. Salariati giornalieri non riescono a trovare lavoro dato che i padroni non hanno denaro per pagarli.
La catena della fornitura di beni e servizi è disgregata, e ha un impatto negativo sulla produzione. I commercianti e i rivenditori sono stati privati ​​durante la notte di fondi per portare avanti le loro attività, e non possono nemmeno rifornirsi di merci dopo aver utilizzato le scorte esistenti, né possono pagare per il trasporto della merce al mercato. I rivenditori non possono vendere la merce in quanto i clienti non hanno i soldi per comprare, e possono fornire beni a credito ai clienti solo fino a un certo punto in quanto hanno bisogno di pagare i loro fornitori e non possono ottenere abbastanza nuove banconote per farlo. L’attività bancaria normale rischia di essere interrotta per mesi dato che le banche sono completamente occupate nelle operazioni di cambio.
Il raccolto d’autunno non è ancora pienamente commercializzato in molte regioni, e i produttori non sono in grado di vendere i loro raccolti a causa della scarsità di nuovo denaro. A molti vengono offerti prezzi drasticamente più bassi per i loro prodotti, che rischiano di danneggiarsi nei prossimi giorni. Gli agricoltori non possono comprare sementi e fertilizzanti per la semina di colture primaverili poiché non vi è moneta con denominazione bassa o sostitutivo disponibile nelle loro banche più vicine. La semina ritardata è destinata a influenzare la futura produzione. I lavoratori rurali e gli artigiani sono interamente dipendenti dagli acquisti da parte del mercato e sono in grande angoscia.
Il peggioramento della situazione nelle aree urbane è stato ampiamente riportato dai media, non solo il salariato povero, ma anche la classe media è influenzata negativamente dalla perdita artificiale ed estrema, avvenuta durante la notte, del potere d'acquisto. Milioni di ore di lavoro vengono sprecate da persone in piedi in lunghe code presso le banche, e alla fine molti vengono allontanati perché il nuovo denaro si è esaurito. Il paese è guidato verso una recessione creata artificialmente e il livello di attività economica è in declino. Ambit Capital stima che la crescita dell'India potrebbe scivolare fino al 3,5% a seguito della demonetizzazione rispetto alle precedenti proiezioni di 6,8% (Hindu 2016).
Riferimenti
Aiyar, Swaminathan S A (2016): "Meno nero in contanti significa più in oro," Times of India, il 13 novembre.
Deshpande, R e Sidhartha (2016): "Anche le '5CS’ ostacolano le decisioni: Carbone Secy," Times of India, il 6 aprile.
Hindu (2016): "La demonetizzazione potrebbe dimezzare crescita del PIL al 3,5% nel corrente anno fiscale," Hindu, 19 novembre.
Indian Express (2016): "Raghuram Rajan: nessuno vuole perseguire i ricchi e i malfattore ben ammanigliati," Indian Express, 18 gennaio.
Mehra, Puja (2014): "L’economia nera ammonta al 75% del PIL," Hindu, il 4 agosto.

***
Da https://it.wikipedia.org/wiki/Panama_Papers

Panama Papers[3] è il nome di un fascicolo riservato digitalizzato composto da 11,5 milioni di documenti confidenziali creato dalla Mossack Fonseca, uno studio legale panamense, che fornisce informazioni dettagliate su oltre 214.000 società offshore, includendo le identità degli azionisti e dei manager. I documenti mostrano come individui ricchi, compresi funzionari pubblici, nascondano i loro soldi dal controllo statale.[4] Nei documenti sono menzionati i leader di cinque paesi — Arabia SauditaArgentinaEmirati Arabi UnitiIslanda e Ucraina — ma anche funzionari di governo, parenti e collaboratori stretti di vari capi di governo di più di 40 altri paesi; tra questi, BrasileCinaFranciaIndiaMalesiaMessicoMaltaPakistanRegno UnitoRussiaSiriaSpagna e Sud Africa.[1]


Nessun commento:

Posta un commento